Mare mosso in Borsa.

Ci eravamo illusi che potesse arrivare una correzione salutare, sebbene con qualche ritardo. Molti analisti e strategist la ritenevano anche utile per dare la possibilità a grandi e piccoli investitori (quindi le cosiddette Mani Forti e il retail) di aggiustare le proprie posizioni, forzatamente esposte verso l’azionario data la bonanza della congiuntura globale. Ma, invece, è crollato giù tutto, in un battibaleno anche sorprendente.
Ci si potrebbe rifugiare nella giustificazione dell’impennata dell’indice VIX, uscito dalla fase dormiente, un fatto che ha creato non pochi problemi a fondi ed ETF ad esso collegati. Ma dal rapporto EPFR dei flussi nella settimana in corso i fatti sono inequivocabili: i deflussi dai fondi emergenti in divisa forte ammontano a oltre 1325 ml di dollari USA, quelli sui fondi HY americani a 3731 ml di dollari, ai quali si aggiungono quelli sui fondi non americani ad alto rendimento per 850 ml di dollari usa e, per finire, 710 ml di dollari Usa investiti nei fondi investment grade. Ma il dato più forte sono quei 32989 ml di dollari Usa in uscita dai fondi azionari dei mercati G7.
È evidente che l’entità dei flussi che hanno causato questa correzione rappresentano un punto a favore di un ulteriore fase di ribasso. E questo nonostante le ottime trimestrali e le prospettive di utili consolidati migliori, grazie alla crescita del PIL globale.
Non a caso torna l’interesse sull’oro, mentre le tensioni non risparmiano il petrolio, il gas naturale (ma qui c’è di mezzo anche il clima) e alcuni metalli industriali.
L’aggiustamento dei portafogli dei fondi pensione sulla parte lunga ed extra lunga delle scadenze iniziato lo scorso venerdì, prima del black Monday, a favore di un incremento delle posizioni sul mercato obbligazionario, hanno visto crescenti prese di profitto opportunistiche su tutti mercati azionari dove erano investiti.
Il cambiamento di scenario è evidente anche nel rendimento del Bond decennale Usa, sopra i massimi del 2015, mentre per adesso il nostro BTP a 10 anni resta inaspettatamente sotto la soglia del 2%, con uno spread a 120 punti base impermeabile a qualsiasi dibattito elettorale (sciocchezze comprese).
Sarebbe troppo facile dire che: le elevate vette raggiunte dai prezzi dell’azionario hanno più senso con uno scenario di tassi che restano bassi, ancora per un semestre, almeno. Perché la congiunzione astrale raggiunta la scorsa settimana, con le dichiarazioni della Banca d’Inghilterra, vede ormai tutte le banche centrali allineate su un’accelerazione del percorso di rialzo dei tassi, un fatto che non è compatibile con ulteriori record.
Il dato della prossima settimana sull’inflazione americana sarà lo spartiacque per definire la profondità di questa fase di correzione. Probabilmente il dato offrirà qualche opportunità molto selezionata di trading di brevissimo periodo, ma lascerà strascichi sulle strategie di portafoglio a lungo termine.
Siamo di fronte alla prima importante correzione dei mercati finanziari da lungo tempo, ma soprattutto collocata in una fase di rivoluzione digitale. Dove, come era immaginabile, volumi ed entità del movimento subiscono l’accelerazione data dall’utilizzo di algoritmi e nuove tecnologie.
Nulla di nuovo sotto il sole di uno scenario di mercati globalizzati ad alta tecnologia, sul quale riflettere per attrezzarsi a decisivi cambiamenti nell’entità dei movimenti più importanti di trend di mercati finanziari.

Claudia Segre

Leggi QUI l’articolo originale

Slovakia government sees Telekom IPO by end-June.

Slovakia aims to conclude an initial public offering (IPO) of its 49 percent stake in mobile and fixed-line operator Slovak Telekom by the end of June, the Economy Ministry said on Wednesday.

Slovak TelekomA plan to consolidate the state’s holding under a single government agency was approved on Wednesday, moving another step closer to an IPO, with the government also declaring its preference for a public offering of the shares rather than a sale to majority shareholder Deutsche Telekom. “We do not know exactly when shares will get to the stock exchange, but we would like to have it concluded by the end of the first half,” ministry spokeswoman Miriam Ziakova said. The government has said it would seek a dual London and Bratislava listing for the business. Slovak Telekom reported 2014 earnings before interest, tax, depreciation and amortisation of 310.7 million euros on sales of 767.6 million euros and the government’s 2015 budget has predicted a 1 billion euro return from the share sale. Deutsche Telekom has 51 percent stake of the Slovak business and has been considered a potential bidder for the rest, with a right of first refusal under certain conditions.

“Deutsche Telekom had the opportunity to present an offer for buying shares before the start of the IPO process … Today the government approved the IPO process,” the ministry spokeswoman told Reuters. “We cannot prevent Deutsche Telekom from making an offer, but today the government approved a sale through the stock exchange. If Deutsche Telekom comes with an offer by the time of placement, the government would consider it.” Deutsche Telekom said it would still look at the minority stake but appeared to be unconcerned by the prospect of an IPO. “Our strategy regarding our European participations has always been to look at opportunities from a perspective of whether it makes economic sense. We will do the same with Slovak Telekom,” a Deutsche spokesman said. “From an operational and economic perspective, the sale of the Slovak government’s stake does not change much for us. We can continue to execute our strategy.” The government is being advised on the IPO by JP Morgan and Citigroup.

Source Reuters

Czech secret service sees ‘extremely high’ number of Russian spies.

Russia deployed an “extremely high” number of intelligence officers at its Czech embassy last year, the NATO member country’s secret service said in an annual report released on Monday. The reported increase in spying comes as relations between Russia and the West have worsened, culminating in the Ukraine crisis that began a year ago with street demonstrations against pro-Russian president Viktor Yanukovich. Czech spy-watchers have long warned about Russian intelligence services activities in the central European country, a member of the European Union, which is popular with Russians who often travel to and buy property in the country. The Security Information Service (BIS) said Russian and Chinese spies in the Czech Republic work mostly to use politicians or journalists to extend their influence and secure their countries’ economic interests. “Both the Russian and the Chinese embassy employ intelligence officers serving under diplomatic cover. In 2013, the number of such officers at the Russian embassy was extremely high,” the BIS report said. Other intelligence officers traveled to the Czech Republic individually as tourists, experts, academics or businessmen. “Russian intelligence services attempted to make use of both open and covert political, media and societal influence to promote Russian economic interests in the Czech Republic,” the report said. Russian intelligence activity previously jumped in 2007, when the Czech Republic and the United States held negotiations on building a missile defense radar in the country. The plan was eventually canceled by President Barack Obama’s administration after also running into opposition in the Czech parliament.

The current center-left Czech government has taken a cautious approach as relations between Western countries and Russia have deteriorated this year over Moscow’s role in the Ukraine crisis. A number of Czech officials have spoken against sanctions imposed by Brussels — for which Russia has retaliated by banning food imports from Europe — although the government has backed the EU’s actions. Yanukovich’s overthrow in February prompted Moscow to annexe the Crimea peninsula and back separatist rebellions in eastern Ukraine in which more than 3,700 people have died. The BIS has in the past warned of Russian intelligence officers building networks in the country using Czech citizens as well as the local Russian community. The Polish government said on Saturday it had withdrawn accreditation from a Russian journalist after arresting two Poles, including a military officer, earlier this month on suspicion of spying for Russia. The BIS said rejecting Czech visas or accreditation for Russians with ties to the intelligence services had led to cases of retaliation against Czech career diplomats.

Source Reuters

Fragile Czech recovery will not alter weak crown policy: central banker.

The Czech Republic’s economic recovery remains fragile due largely to uncertainties in the euro zone but nothing has happened so far to make the central bank change its policy of keeping the crown weak, a bank board member said on Wednesday. The export-reliant Czech economy has shown accelerating growth since ending a record-long recession in 2013. Inflation, however, remains subdued despite a pickup in consumer demand, and the central bank expects to keep its policy of using interventions to prevent the crown firming past the 27 to the euro level in place throughout next year to keep monetary conditions loose. Rate-setter Jiri Rusnok told Reuters he had seen nothing yet to change that view. On the economy, he said growing domestic consumption would be a bigger driver in the future, offsetting a lesser impact from export growth.

“We are experiencing a recovery but the recovery is relatively fragile,” he said on the sidelines of an economic conference in the Czech Republic’s industrial northeast. “Exports will drive us less than we have become used to in recent years and domestic consumption will drive us a little bit more, and let’s hope also investments.” The central bank launched its weak crown policy almost a year ago to battle deflationary risks by boosting import prices, a move that increased slack consumer demand by prompting shoppers to stop waiting for costs to fall. A center-left government that took power in January is also reversing years of austerity and looking at more investments to help the economy. The revival of domestic demand comes as the euro zone, central Europe’s most important trading partner, struggles with weaker growth and slow inflation. While the Czech economy grew by 0.3 percent on a quarterly basis in the second quarter – a fifth straight rise – analysts see growth running into headwinds from weaker trade. Rusnok, who joined the central bank in March, said the troubles in the euro zone were still an uncertainty for the economy.

“It is primarily Europe and especially the euro zone,” he said when asked about risks. “For us, the direct impact of the Russia-Ukraine problem is tiny.” The central bank had already delayed the expected exit from its unconventional policy twice before this year but left its commitment in place at its last meeting on Sept. 25. “We will continue with our monetary policy settings (and) that … will continue at least through all of next year,” Rusnok said. The bank’s latest outlook sees inflation returning to a 2 percent target by the end of 2015. It has highlighted lower inflation and growth projections in the euro zone, along with lower global oil and food prices, as anti-inflationary factors.

Robert Muller

Source Reuters

Xenofobia economica e privatizzazioni in Italia.

Le affermazioni del Ministro dell’Economia italiano Fabrizio Saccomanni riguardo a una possibile privatizzazione dei beni immobili dello Stato e una possibile cessione di partecipazioni per ridurre l’ingente debito pubblico hanno provocato in alcuni la classica reazione che può definirsi nazionalista ed “economicamente” xenofoba. Ci si immagina schiere di uomini incravattati e agguerriti pronti ad invadere il nostro Paese con valigette piene di soldi per accaparrarsi a prezzi di favore le aziende statali. Il linguaggio usato in fondo è sempre lo stesso e mira a terrorizzare la popolazione facendole immaginare chissà quali catastrofici esiti dalla vendita di asset statali. Raffaele Bonanni, leader della CISL, parla addirittura di appetiti famelici e speculativi degli investitori stranieri. Ci manca solo il riferimento costante ai “gioielli di famiglia” e poi il cerchio delle banalità è chiuso.

Il problema è che durante la crisi europea del debito sovrano che ha investito anche l’Italia, gli sforzi di risanamento del bilancio pubblico sono stati scaricati solamente su determinate categorie già messe a dura prova dalla crisi. In questo modo, alzando le imposte e tagliando gli investimenti, siamo usciti dalla procedura di deficit eccessivo della Commissione Europea, ma nello stesso tempo abbiamo ipotecato qualsiasi prospettiva futura di crescita. La gran parte delle sacche improduttive che albergano nelle partecipate dello Stato sono rimaste al loro posto. L’obiettivo è sempre quello di lasciare le cose immutabili per non rompere gli equilibri acquisiti da decenni. Come per il caso Alitalia, si alita sullo spirito nazionalista per continuare a difendere strenuamente l’ormai inutile etichetta “italiana” delle aziende nazionali. E sia chiaro che non ci si riferisce solamente ad Enel, Eni e Finmeccanica, che tra tutte le aziende semi-pubbliche hanno forti vincoli di mercato e spinte verso l’efficienza interna. I problemi sono ben altri.

Che male ci sarebbe quindi se una società tedesca acquisisse le tratte meridionali delle Ferrovie dello Stato migliorando nettamente il servizio e riducendo i costi? E se una finanziaria francese comprasse le Poste Italiane? E se gli svedesi spendessero qualche miliardo per acquistare la RAI? Viene da pensare che, in realtà, l’unica paura di certi personaggi sia quella di difendere l’italianità di certe imprese perchè il loro incubo sia quello di perderne il controllo. La xenofobia economica sarà meno grave moralmente della sua sorella “sociale”, tuttavia sta provocando danni immensi al nostro Paese. Gli investimenti stranieri andrebbero convogliati e incentivati il più possibile per dare una spinta alla nostra economia ormai ingolfata. E se qualche investitore proveniente da altri Paesi è disposto a spendere per acquistare asset statali aiutandoci a ridurre il debito pubblico, è quantomai controproducente lanciare campagne mediatiche per insabbiare le timide aperture alle operazioni di privatizzazione.

Nello stesso periodo in cui il debito pubblico italiano raggiunge i 2075 miliardi di euro e gli impulsi conservativi travolgono come al solito le istanze riformatrici, il Regno Unito si avvia a risanare il bilancio pubblico privatizzando la Royal Mail. L’operazione permetterà allo Stato non solo di incassare ben 3 miliardi di sterline (3,5 miliardi di euro), ma nello stesso tempo di scomputare del debito pubblico il debito delle Poste. I 150.000 dipendenti riceveranno il 10% delle azioni della società acquisendo i diritti di partecipare alle assemblee degli azionisti ed essere eletti nel C.d.A. Ovviamente è innegabile che i nuovi proprietari privati potrebbero portare avanti dei licenziamenti per migliorare l’efficienza della struttura e a pagarne saranno i singoli lavoratori lasciati a casa. C’è sempre un costo sociale in ogni operazione e va sempre analizzato il trade-off tra benefici e costi. Tuttavia, in questo caso il Regno Unito avendo a disposizione i proventi della vendita, non avrebbe problemi a permettersi ammortizzatori sociali e spese di formazione e re-impiego. Queste spese sarebbero tuttavia enormemente inferiori ai 3 miliardi di sterline che passeranno nelle casse della collettività, beneficiando l’intera popolazione. Potrebbe essere un valido esempio per l’Italia che per recuperare i miliardi ha sempre scaricato i costi sulla collettività di lavoratori e imprese, inasprendo la tassazione.

Non è detto poi che l’Italia debba liquidare il 100% delle quote di tutte le aziende pubbliche. Un altro Stato dell’Unione Europea come la Germania a metà degli anni ’90 privatizzò il 75% di Deutsche Post, senza il rischio di venire azzannato da famelici investitori stranieri. Anzi, con la nuova efficienza conquistata, Deutsche Post arrivò addirittura ad acquisire la maggioranza della società di corrieri DHL, avviando nuove economie di scala e di scopo. Di conseguenza, occorre smetterla di essere ossessionati o spaventati da finti spietati investitori stranieri per evitare di fare passi in avanti. Occorre prendere ad esempio il resto dell’Unione Europea e non dare sempre per scontato che tutti i costi sociali debbano essere pagati dalla collettività e scaricati sul lato produttivo del nostro Paese.

 

Fabio Cassanelli 

Leggi QUI l’articolo originale.

Pagina 1 di 612345...Ultima »

Pin It on Pinterest

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

The cookie settings on this website are set to "allow cookies" to give you the best browsing experience possible. If you continue to use this website without changing your cookie settings or you click "Accept" below then you are consenting to this.

Close