Il gruppo ungherese Mol e quello slovacco Transpetrol hanno annunciato il completamento di un progetto di ”importanza strategica per l’Europa centrale”, la ricostruzione e l’ampliamento di un tratto dell’oleodotto ”Friendship I/Adria”, inaugurato nel 1962 e divenuto in parte obsoleto col passare degli anni. Il nuovo tratto è stato inaugurato alla presenza dei primi ministri ungherese, Viktor Orban, e slovacco, Robert Fico.
Grazie a un investimento di circa 80 milioni di dollari, la capacità dell’oleodotto è stata di fatto raddoppiata, passando da 3,5 milioni di tonnellate a sei. Come specifica un comunicato di Mol, la modernizzazione e il potenziamento del ”Friendship I/Adria” nel tratto tra Szazhalombatta in Ungheria e Ipolysag in Slovacchia permetterà al colosso energetico magiaro di ”soddisfare i bisogni della sua raffineria di Bratislava” e a ”Ungheria, Slovacchia e Repubblica Ceca di diversificare ulteriormente le loro fonti di approvvigionamento, migliorando così significativamente la sicurezza energetica regionale”.
I lavori all’oleodotto sono durati solo un anno e hanno interessato una sezione lunga 128 chilometri (119 in Ungheria, 9 in Slovacchia), dove sono state sostitute le tubazioni e modernizzate altre strutture tra una sezione e l’altra. Mol ha anche aumentato la capacità di trasporto dell’oleodotto dall’Adriatico all’Ungheria da 10 milioni a 14 milioni di tonnellate di greggio all’anno.

Fonte Ansa Europe

Pin It on Pinterest

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

The cookie settings on this website are set to "allow cookies" to give you the best browsing experience possible. If you continue to use this website without changing your cookie settings or you click "Accept" below then you are consenting to this.

Close