Quest’anno la Slovacchia è salita di due punti nell’indice di competitività stilato da Swiss IMD Institute, raggiungendo la 45esima posizione. Prima della crisi, la Slovacchia si trovava al trentesimo posto. Nel gruppo di Visegrad, l’economia Ceca è la più competitiva (33esima), seguita dalla Polonia (36esima) e dall’Ungheria (48esima). L’indice valuta lo sviluppo economico, l’efficienza del governo e del settore privato e le infrastrutture. Il miglior posizionamento della Slovacchia rispetto all’anno passato è dovuto ad una maggiore crescita del PIL.

Secondo un’analisi condotta da FinStat, le aziende slovacche hanno aumentato le vendite dell’1% nell’ultimo anno, ma l’utile netto è calato del 28%. La ricerca si basa sui dati forniti dal registro dei conti. L’analisi, tuttavia, non include le grandi imprese che devono presentare un bilancio consolidato. Il calo degli utili deriva principalmente dalle misure di ottimizzazione fiscale, consistenti in un aumento dell’imposta sul reddito d’impresa e nella reintroduzione della tassa sui dividendi.

Fonte CCIS

Pin It on Pinterest

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

The cookie settings on this website are set to "allow cookies" to give you the best browsing experience possible. If you continue to use this website without changing your cookie settings or you click "Accept" below then you are consenting to this.

Close