La Slovacchia – seguita da Lituania, Grecia e Turchia – è il Paese dell’area Ocse dove il maggior numero di lavoratori rischia in futuro di perdere il proprio impiego a causa delle nuove tecnologie dell’automazione.

Lo segnala il portale specializzato ‘Business New Europe‘ (Bne), riportando le conclusioni di un working paper Ocse pubblicato a marzo.

Lo studio Ocse ha analizzato come le nuove tecnologie e l’intelligenza artificiale impatteranno sul mercato del lavoro in 32 Paesi Ocse.

Secondo lo studio, riporta Bne, il 33% dei lavori in Slovacchia è “altamente automatizzabile” contro il 6% in Norvegia e il 14% in media nei Paesi Ocse presi in considerazione. Tra i 32 Paesi analizzati, il 48% (mediana) dei posti di lavoro ha una possibilità di essere in parte o del tutto ‘automatizzato’, una percentuale che sale al 62% in Slovacchia, paese con una grande industria automobilistica.

Percentuali simili a quelle slovacche sono state registrate anche in Lituania, Grecia e Turchia, con rischio relativamente alto segnalato anche in Slovenia e Polonia per quanto riguarda l’Europa centro-orientale, ha scritto Bne.

Fonte ANSA Europe

Pin It on Pinterest

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

The cookie settings on this website are set to "allow cookies" to give you the best browsing experience possible. If you continue to use this website without changing your cookie settings or you click "Accept" below then you are consenting to this.

Close