Dopo le elezioni politiche dello scorso 4 marzo il nuovo governo italiano comincia a prendere forma, grazie all’accordo raggiunto tra la Lega e il Movimento Cinque Stelle per formare una coalizione di governo. Si prevede che la coalizione chiederà alla Banca Centrale Europea di “azzerare” o congelare i 250 miliardi di euro del debito pubblico italiano e di creare un meccanismo che permetta ai paesi dell’euro zona di uscire dalla moneta comune.

Un altro progetto della coalizione prevede la riduzione del contributo italiano al bilancio dell’UE. Inizialmente i mercati hanno reagito facendo salire il rendimento del titolo decennale italiano dall’1,872% al 2,117%, mentre l’euro è rimasto generalmente stabile. Tuttavia i programmi di massiccio stimolo economico del nuovo governo, potrebbero rimescolare nuovamente le carte in tavola.

In sintesi, il piano della coalizione prevede la fine della cosiddetta “austerità”, che sarà sostituita da una politica di bilancio fortemente reflazionistica, basata sulla riduzione delle imposte e sulla cessione di beni di proprietà pubblica. Dopo due “decenni perduti”, non solo per la stagnazione economica, ma anche per il reale e inusitato declino degli standard di vita, queste riforme potrebbero ridare fiato all’economia del paese, in modi non ancora considerati dai mercati.

Al nuovo governo non sarà certamente sfuggito che, se a settembre la BCE metterà fine al programma di acquisto di titoli, come è previsto che faccia, l’Italia si troverebbe privata di una fonte indispensabile di liquidità. Pertanto una reflazione fiscale cadrebbe proprio al momento giusto per compensare ciò. Ad ogni modo l’operato del nuovo governo, qualunque sarà, sicuramente non lascerà i mercati finanziari indifferenti.

Luigi Sottile

Pin It on Pinterest

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

The cookie settings on this website are set to "allow cookies" to give you the best browsing experience possible. If you continue to use this website without changing your cookie settings or you click "Accept" below then you are consenting to this.

Close